03 Dicembre 2022

5. Monte Stella

Megalitismo nel Cilento
Immagine di "a preta r'u lu Mulacchiu"
Esso rappresenta una testimonianza del culto della Grande Madre e sino alla metà del secolo scorso era oggetto di riti correlati al pellegrinaggio nel Santuario Mariano denominato del Monte della Stella dal pizzo zonale in cui era situato.
Le donne in età fertile strofinavano il ventre nello stretto corridoio del monumento (dromos) e qualora fossero rimaste in cinta nell'intervallo di nove mesi canonici, il figlio concepito in seguito al contatto-inseminazione sarebbe stato appellato "Mulacchiu" che significa "bastardo".
Il monumento è costituito da due ortostati sormontati da una pietra triangolare a delimitare una "porta utero" nell'accezione di Enrich Neuman. Entrambi presentano delle escavazioni sommitali a scodella e quello destro è di tipo antropomorfo giacché presenta delle bozze mammelliformi ed una incisura a "tau" che suggerisce una imene quali evidenti attributi della rappresentazione di un Nume Femminile, la "Grande Madre" (tratto da testo di Luigi Leuzz, Architettura Sacra del Megalitismo nel Cilento).

Realizzazione siti web www.sitoper.it
cookie