03 Dicembre 2022

6_Castelnuovo Cilento

Archeologia a Castelnuovo Cilento
La Torre angioina e il Castello Medievale Talamo – Antenolfi sono una delle principali attrazioni del borgo cilentano, insieme alle opere di Guerino Galzerano dominano tutta la valle di Elea. Le prime notizie sul Castello Medievale Talamo-Atenolfi di Castelnuovo Cilento risalgono all’anno 1.255. Solo nel 1.269 il castello ha assunto le sembianze che vediamo oggi quando Guido D’Alemagna (Guy d’Allemagne) ha fatto costruire la Torre angioina. Guido D’Alemagna era un cavaliere francese al seguito di Carlo D’Angiò che ottenne il feudo di Castelnuovo. Con la morte del cavaliere, il feudo e il relativo castello, sono passati da mano in mano a diversi feudatari. Solo nel 1.724 il castello è della famiglia Talamo-Atenolfi, tutt’ora proprietaria.

Posizionata su una collina che affaccia su tutta la valle di Velia, la Torre Angioina di Castelnuovo Cilento rappresentava un punto di controllo sulle vie d’accesso nel Cilento. Insieme alla Torre di Velia e alla Torre di Novi Velia, Castelnuovo rappresenta un punto strategico per monitorare tutto quello succede sulla valle di Veli

Realizzazione siti web www.sitoper.it
cookie